logo museo del rubinetto

Piazza Martiri 1 -- 28017 San Maurizio d'Opaglio (NO) -- mail: info@museodelrubinetto.it

logo comune di san maurizio d'opaglio

Comune di S. Maurizio d'Opaglio
Sede del Distretto del Rubinetto

sezione storia rubinetto

/ homepage / Storia del Rubinetto

CuriositÓ idrauliche

Il gabinetto giapponese

Dalla fine dell'ottocento, da quando, cioè, è uscito da uno stato di isolamento feudale, il giappone sembra diviso tra conservazione delle tradizioni, emulazione dell'occidente e desiderio di superare in tecnologia l'occidente stesso. Non c'è praticamente parte della vita nipponica che non sia stata oggetto della contesa tra queste tre diverse tendenze, neppure quella parte di vita che si passa in bagno.

Già nel 1933 il saggista Tanizaki Jun'ichiro (1886-1965) nel suo libro Elogio della penombra inserisce il problema del bagno nella più vasta diatriba se siano meglio i costumi occidentali o quelli giapponesi. Egli esalta la superiorità dei gabinetti giapponesi, concepiti per il riposo dello spirito. Essi, infatti, sono posti in un ambiente appartato, spesso immersi nel giardino, sui cui danno le finestre. In questo modo il bagno diventa quasi un luogo di meditazione, dove l'uomo, intanto che si dedica alla sua igiene personale, può contemplare la natura. Certo, persino Tanizaki ammette che questi bagni tradizionali, lontani dall'edificio principale e non riscaldati, non sono proprio il massimo della praticità.

Sel nel 1933, dunque i difensori della tradizione erano ben rappresentati anche per quanto riguarda il bagno, nei decenni sucessivi si è passati dal voler emulare l'occidente a volerlo superare.

All'inizio degli anni '80 alcuni studi dimostrarono che i giapponesi in bagno sprecavano moltissima acqua. Forse perchè tradizionalmente abituati ad avere i gabinetti in luoghi appartati, temevano che i rumori dell'interno si potessero sentire anche all'esterno e così tiravano l'acqua per tutta la loro permanenza nella toilette. Venne così l'idea di produrre water con un pulsante per la musica o in grado di simulare il rumore dello sciacquone costantemente tirato. Nascevano così i washlet, i water giapponesi super tecnologici.

A questi primi optional se ne aggiunsero subito altri come la tazza riscaldata, i getti d'acqua per la pulizia o il diffusore di profumo.

Oggi i washlet più avanzati hanno il coperchio che si apre e chiude automaticamente ed è possibile personalizzare la colonna sonora dei propri soggiorni in bagno.

Pare che ultimamente queste meraviglie della tecnologia aplicata all'igiene stiano tentando di imporsi anche fuori dal Giappone. La cantante Madonna ha giò fatto sapere di aver installato nella sua casa uno degli ultimi modelli di gabinetto tecnologico e questa diventerà, forse, la prossima moda tra le star.

Giorni e orari di apertura

Aperto dal 1 aprile al 30 novembre, da venerdì a domenica dalle 15:00 alle 18:00

Per informazioni: 0323.89622

 filetto divisore

Sponsor del Museo

iconaI nostri sponsor

 filetto divisore

Il Museo del Rubinetto è socio di:

logo ecomuseo del lago d'orta

 filetto divisore

© museo del rubinetto e della sua tecnologia / info@museodelrubinetto.it / webmail / area riservata

design: kitchen