logo museo del rubinetto

Piazza Martiri 1 -- 28017 San Maurizio d'Opaglio (NO) -- mail: info@museodelrubinetto.it

logo comune di san maurizio d'opaglio

Comune di S. Maurizio d'Opaglio
Sede del Distretto del Rubinetto

sezione storia rubinetto

/ homepage / Storia del Rubinetto

CuriositÓ idrauliche

La confraternita dei fontanieri di Istambul

Istambul, la splendida città che congiunge l’Occidente con l’Oriente è tutta protesa verso il mare, dal momento che sorge sulle rive del Bosforo. Le acque che la interessano, però, sono soltanto quelle del mare, salate, dal momento che nessun fiume o torrente la attraversano. I romani, che fondarono la città e le garantirono il suo primo periodo di splendore con il nome di Costantinopoli, ovviarono al problema costruendo degli acquedotti che mettevano in comunicazione la città con le lontane fonti dell’interno. Inoltre tutta la città era costellata di cisterne dove l’acqua era accumulata come la più preziosa delle risorse. La più famosa di questi depositi d’acqua, la Grande Cisterna Sotterranea è oggi una delle massime attrattive turistiche della città, un vero e proprio lago sotterraneo il cui soffitto è retto da una serie di colonne che sorgono dalle acque.

Dopo la fine dell’impero romano divenne chiaramente vitale il mantenimento in buono stato degli acquedotti e delle cisterne. A questo proposito fu fondata una confraternita, quella dei fontanieri, che divenne la prima associazione professionale della città. La confraternita dei fontanieri, che funzionò dall’inizio dell’impero bizantino fino alla fine di quello ottomano, acquisì col tempo caratteristiche quasi da associazione segreta. Potevano infatti farvi parte soltanto cittadini di Istambul di origine albanese, ma il più delle volte il lavoro si tramandava di padre in figlio e solo se non vi era un discendente diretto di un fontaniere un estraneo (purché albanese!) poteva essere ammesso nella confraternita. Tale segretezza era giustificata dal fatto che i fontanieri conoscevano perfettamente il sottosuolo della città e dunque tutte le sue vie di accesso, anche le più segrete, e queste non erano certo informazioni da lasciare a cuor leggero nelle mani di chiunque!

Giorni e orari di apertura

Aperto dal 1 aprile al 30 novembre, da venerdì a domenica dalle 15:00 alle 18:00

Per informazioni: 0323.89622

 filetto divisore

Sponsor del Museo

iconaI nostri sponsor

 filetto divisore

Il Museo del Rubinetto è socio di:

logo ecomuseo del lago d'orta

 filetto divisore

© museo del rubinetto e della sua tecnologia / info@museodelrubinetto.it / webmail / area riservata

design: kitchen